Un fascino particolare avvolge la città di Acqui T. e incanta ogni visitatore, infatti può essere considerata un vero e proprio museo a cielo aperto i cui monumenti sono vera e sorprendente testimonianza di un passato importante ma anche di un presente attento a valorizzare il proprio patrimonio culturale, storico ed artistico.

Edicola della Bollente

Edicola e Piazza della Bollente

piazza della Bollente (mappa n° 1)

Edicola e Piazza della Bollente, Torre civica. L’intervento dell’Amministrazione Comunale guidata da Giuseppe Saracco trasformò radicalmente tra il 1870 ed il 1880 l’antichissima area sorta intorno alla fonte omonima demolendo anche il Ghetto. All’ingegnere Giovanni Ceruti (1842 – 1907) si deve l’edicola-tempietto in stile eclettico (1879), che evidenzia l’importanza della fonte termale di acqua salso-bromo-iodica che sgorga a 74,5°C. La via Saracco è delimitata dall’ex palazzo di Giustizia e da quello che ospitava la Sinagoga eretta nel 1888 su progetto dell’ architetto alessandrino Giulio Leale e distrutta nel luglio 1971. Al 1763 risale «la torre senza fondamenta» eretta su disegno dell’architetto alessandrino Giuseppe Domenico Trolli sopra l’arco dell’antica porta della Bollente. È del 1879 la targa che celebra i caduti nelle guerre risorgimentali.

Duomo

Cattedrale di Santa Maria Assunta

piazza Duomo (mappa n° 5)

Iniziata dal Vescovo Primo ( 989 – 1018 ) e consacrata nel 1067 da San Guido, Vescovo e Santo Protettore della città. La pianta è a croce latina a cinque navate . Del periodo romanico sono visibili le absidi e l’importante cripta che occupa l’area del transetto e del coro; tra il XVI ed il XIX secolo si
rinnova completamente la decorazione interna con stucchi ed affreschi. Il campanile, in facciata, venne completato nel 1479; il pronao seicentesco si armonizza con i porticati laterali che delimitano la piazza del Duomo. Degni di attenzione il portale maggiore, opera di Giovanni Antonio Pilacorte (1481) e all’interno, il pulpito realizzato nella prima metà del XIX secolo riutilizzando lastre marmoree rinascimentali e il Battistero in stile rococò. Nel transetto, a sinistra, il barocco altare di San Guido con la pala del genovese David Corte. Nella sala del Capitolo si conserva il Trittico della Madonna di Montserrat, capolavoro del pittore spagnolo Bartolomeo Bermejo, commissionato intorno al 1480 da Francesco della Chiesa, mercante Acquese e la pala di San Guido e i quattro Dottori della Chiesa, opera lombarda del 1496. Sul lato destro della Cattedrale si trova il Chiostro dei Canonici ultimato nel 1495. Il Trittico non sarà visitabile fino ad agosto del 2019 in quanto esposto all’estero presso i prestigiosi Musei di Madrid, Barcellona e Londra.  In loco è presente una riproduzione dell’originale >
Orario di apertura tutti i giorni dalle 7.30 – 12.00 e 15.00-18.00. 
Orario Messe: feriali 7.30 e 18.00; prefestivo 18.00; festivi 8.00 – 11.00 e 18.00

Castello dei Paleologi

Castello dei Paleologi-Museo Archeologico e giardino Botanico “Il Birdgarden”

via Morelli – (mappa n° 2- 3)

Compare nel 1056 come “castelletto” del vescovo di Acqui Terme , passa nel 1340 al marchese di Monferrato. Guglielmo VII Paleologo ne promuove la ricostruzione nel decennio 1480-1490; successivi rimaneggiamenti sono dovuti ai Gonzaga nel XVII secolo, anche ad opera dell’architetto Scapitta; infine l’architetto Ferroggio realizza nel 1789 il fabbricato carcerario. Il castello non ebbe funzione residenziale dai tempi dei marchesi di Monferrato. Fu sfortunata quanto modesta piazzaforte militare, inadeguata alle armi da fuoco e venne sovente espugnata con gravissime danni alle cortine. Oggi è sede del Civico Museo Archeologico – ospita interessanti resti dell’età pre-romana, romana e medievale di Acqui Terme. 
Orario Invernale dal 1 Ottobre al 30 Aprile dal mercoledì al sabato: ore 9.30-13.30 e 15.30-17.30; domenica: ore 11.00 – 13.30 e 15.30 – 17.30.  Orario Estivo dal 1 Maggio al 30 Settembre dal mercoledì alla domenica: ore 10.00 – 13.00 e 16.00 – 20.00.  Per informazioni tel. 0144 57555/770272

Chiesa dell’Addolorata già Monastero di San Pietro

Chiesa dell’Addolorata già Monastero di San Pietro

piazza Addolorata (mappa n° 9)

In stile romanico, a tre navate con campanile ottagonale appoggiato sull’abside sud. Eretta come chiesa abbaziale dello scomparso monastero di San Pietro, fondazione vescovile dell’XI secolo, sull’area di una precedente chiesa cimiteriale paleocristiana, fu ridotta in commenda già sul finire del quattrocento. Nel 1720, dividendo la navata centrale, si eresse la chiesa dedicata alla Vergine Addolorata. Decaduta ed in buona parte degradata fu oggetto dal primo dopoguerra, di un pesante intervento di restauro ricostruttivo volto a riportarla al presunto aspetto originale. Dell’epoca alto medievale conserva la parte absidale e la base del notevole campanile ottagonale. Nell’interno una Deposizione di scuola lombarda, affresco risalente alla metà del XV secolo, due tele seicentesche con L’incoronazione di spine e Gesù di fronte a Pilato e la statua lignea della Madonna Addolorata ( verso il 1720 ).
Orario d’apertura dal lunedì al sabato 7.30-11.30; domenica e festivi 8.30-11.30. Orario Messe: feriale 8.30; festivo 9.30 

shortcode image

Chiesa di San Francesco

piazza S. Francesco

Facciata in stile composito (1835-1854) e interno costituito da un’ampia aula centrale con due navatelle. Al XV secolo risalgono la canna della torre campanaria e l’abside. I francescani, presenti in Acqui Terme dal 1244, ottennero la Chiesa di San Giovanni, di probabile origine paleocristiana, che trasformarono radicalmente dopo la seconda metà del Quattrocento; annesso alla chiesa il convento di cui sussistono i due chiostri. All’interno l’Immacolata Concezione del Moncalvo, l’Adorazione dei Magi di Raffael A. Soleri ed una Madonna con il Bambino tra San Francesco e Sant’Antonio da Padova di Pietro Beccaria.
Orario d’apertura 8.00-12.00 e 15.00-18.00. Orario Messe: feriale 17.00; festivo 8.30 – 11.30 e 17.00

shortcode image

Chiesa di Sant’Antonio

via Bella

Stile barocco. Eretta nel 1608 dai Barnabiti sotto il titolo di San Paolo e collegata al convento omonimo, fu ricostruita nel 1701. Nel 1812 vi venne trasferita la confraternita di Sant’Antonio. Custodisce all’interno un bel coro e nella sacrestia armadi del barocco piemontese.
Unica possibilità di visita dell’interno durante la Santa Messa al giovedì alle ore 18.00

shortcode image

Chiesa della Madonna della Neve o della Madonnina

via Madonnina

Iniziata nel 1727 e completata nel 1766, presenta un fronte già neoclassico ed un piacevole interno in stile rococò con decorazioni ottocentesche. Orario di visita durante le funzioni. 

shortcode image

Chiesa della Madonnalta

Viale Savona

La chiesa è stata fondata nel XV secolo da una povera compagnia di gente del luogo. La facciata ha un arioso portico retto da colonnine tuscaniche la cui realizzazione potrebbe collocarsi a fine Seicento. 

shortcode image

Chiesa del Cristo Redentore

via San Defendente

Consacrata nel 1989 e intitolata al Cristo Redentore. Orario di visita durante la funzione. 

shortcode image

Chiesa della Madonna Pellegrina

corso Bagni

Realizzata negli anni’50.
Orario di visita durante la funzione. Orario messe feriale 16.30; prefestivo 16.30; festivo 9.00 – 11.30 e 18.30

shortcode image

Seminario Vescovile

piazza Duomo

Il seminario maggiore fu eretto su progetto di Bernardo Vittone tra il 1755 e il 1772. Notevole lo scalone “a forbice” e la cappella in stile neo gotico realizzata alla fine dell’800.  Accanto al Duomo si trova il seminario minore, già monastero di Santa Caterina (secolo XVI).

shortcode image

Palazzo del Comune – Casa Lupi

piazza Levi

Eretto alla fine del XVII secolo dalla famiglia Lupi di Moirano, passò poi all’israelita Abraam Levi che nel 1910 lo donò alla civica amministrazione auspicando, come poi avvenne, che vi trasferisse la propria sede. Alcuni ambienti hanno mantenuto l’elegante decorazione settecentesca come la sala della Giunta dalle belle sopraporte con vedute romane. La torre e la facciata su Corso Roma sono dell’inizio del XX secolo.

shortcode image

Palazzo Robellini e l’Enoteca Regionale Acqui “Terme & Vino”

piazza Levi (mappa n° 7)

Costruito da Giovanni Antonio Robellini sul finire del 500, come è testimoniato dall’importante colonnato, fu riplasmato nel XVIII secolo dai Dagna Sabina cui si deve lo scalone e gli ambienti aulici. Al suo interno oggi sono ospitati gli uffici IAT – Informazione ed Accoglienza Turistica, l’assessorato al turismo e la sala mostre comunale. Nelle cantine ha sede l’Enoteca Regionale dove si possono trovare tutti i vini piemontesi, ma l’Enoteca è dedicata al vino locale per eccellenza: il “Brachetto d’Acqui DOCG”.
Orario di apertura dell’Enoteca Regionale: martedì, giovedì, venerdì, sabato 9.30-13.00 e 15.30-19.00; domenica 10.00-13.00 e 16.00-19.00 (chiuso lunedì e mercoledì).

shortcode image

Stabilimento termale Nuove Terme

via XX Settembre (mappa n° 10 e 14)

Nella piazza principale della città venne realizzato dopo il 1870 lo stabilimento termale e l’omonimo albergo, che fu oggetto di radicali ristrutturazioni prima della seconda guerra mondiale e nuovamente tra il 2001 e il 2002. Grazie al restyling l’hotel è ritornato all’antico splendore.

shortcode image

Porta della Bollente poi Torre Civica

piazza della Bollente

A sinistra della fontana della Bollente vi è la Torre Civica dell’orologio, detta “senza fondamenta”, perché si appoggia sulle case adiacenti. La torre costituiva una delle porte principali della cosiddetta cinta comunale e risale alla fine del 1.100 o inizio ‘ 200. Nel 1763 fu trasformata in Torre
Civica con l’ampliamento dell’antico arco d’accesso e l’aggiunta della parte alta ospitante la campana della città.
La torre caratterizza fortemente la piazza.

shortcode image

Antiche Terme

piazzale Carlo Alberto (mappa n° 15)

L’attuale complesso termale risale alla riedificazione del tardo seicento dovuta a Giovanni Battista Scapitta. La ricostruzione avvenne dopo una frana che, nel 1687, distrusse il fabbricato già documentato nel XV secolo. Dopo la restaurazione l’edificio assunse sostanzialmente l’aspetto odierno. Dal
2010 ospita la Spa “Il Lago delle Sorgenti” dove si trova l’omonimo lago di acqua salso- bromo- iodica.

Il Fontanino “dell’acqua marcia”

zona Bagni o Antiche Terme – (mappa n° 13)

Il Tempietto in stile neo-classico costruito nel 1847, valorizza la fonte di acqua sulfureo-salso-bromo-iodica che sgorga ad una temperature di 19°C

Ponte Carlo Alberto

zona Bagni

La costruzione fu iniziata nel 1836 ma a causa del crollo dovuto ad una piena fu conclusa per volontà di Re Carlo Alberto nel 1850

shortcode image

Villa Ottolenghi

strada Monterosso

Complesso monumentale iniziato dai coniugi Ottolenghi – Von Wedekind nel primo dopoguerra e terminato nel 1953. Progettisti Federico D’Amato, Marcello Piacentini, Ernesto Rapisardi; la progettazione del giardino venne affidata a Giuseppe Vaccaio e Piero Porcinai. La decorazione interna è del pittore Ferruccio Ferrazzi che ha realizzato anche i cartoni per i mosaici del mausoleo. Non sono purtroppo più presenti le numerose sculture di Arturo Martini.  Nel 2011 il parco è stato premiato con il prestigioso “European Garden Award”.  Visite guidate tutto l’anno ogni venerdì, sabato e domenica.  Per informazioni Tel. 0144 322177 / 335 6312093 

shortcode image

Casa di riposo “Jona Ottolenghi”

via Verdi

Ha sede nel cinquecentesco ospedale cittadino di cui resta il triplice ordine dei loggiati. La ristrutturazione del 1934 si deve alla generosità dei conti Arturo ed Herta Ottolenghi che affidarono all’architetto Marcello Piacentini i lavori. Le decorazioni sono opera di artisti come Ferruccio Ferrazzi e
Fiore Martelli. Nel giardino il gruppo bronzeo “Il ritorno del figliol prodigo” di Arturo Martini.
Per ammirare  la scultura “il Figliol Prodigo” è necessario suonare il campanello all’ingresso.

Cimitero ebraico

via Salvadori

Edificato nel 1836, contiene anche lapidi tardo-settecentesche provenienti dall’antico cimitero nello spazio prossimo all’ingresso ed è insigne monumento della plurisecolare presenza, della storia e della cultura ebraica acquese. Possibilità di visita durante l’iniziativa delle visite guidate e nella giornata Europea della Cultura Ebraica oppure su richiesta contattando l’ufficio IAT.